Chi raccoglie d’estate è previdente…

“Chi raccoglie d’estate è previdente e chi dorme al tempo della mietitura è uno svergognato!” (Pr 10,5)
Ci sono tante cose da “raccogliere” in estate: il gusto del silenzio, il dono delle relazioni, la bellezza della natura, la possibilità di un servizio, la saggezza di una lettura, la rigenerazione di un gioco…
Ma soprattutto il tempo… quello per Dio, per me stesso, per gli altri…
Il libro dei Proverbi invita ad una sana vergogna chi dorme mentre il tempo offre occasioni e possibilità… Il riposo ci può stare, ovviamente, ma anch’esso a servizio di una “previdente raccolta d’estate”.
Il tempo non è denaro: sarebbe troppo umiliante per chi ce lo dona!
Il tempo è il progetto di Dio che matura e porta futuro, vita, pienezza… Diamo tempo al tempo!
“Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo” (Lc 6,38).