Nel 2007 un gruppo di amici si propone per allestire il presepio della parrocchia con il desiderio di riproporre la storia del Natale consapevole che “dalla tradizione nasce il presente e si propone il futuro”.
Già dalla realizzazione del 2007 il gruppo scopre la gioia di riunirsi per mettere a fattore comune la creatività di ciascuno.
Il presepio del 2007 si concretizza con un opera centrale rappresentante il “tempio diroccato” (ispirazione napoletana) nel quale è stata collocata la Natività. Questo presepe verrà donato nel 2008 alle suore del convento di clausura “San Bonaventura” in Padova che lo esporranno per gli anni a seguire.
Da questa esperienza nasce il desiderio di mantenere viva la più semplice ma concreta rappresentazione della nostra fede e tradizione cristiana.
A partire dal 2008 il gruppo sceglie di ambientare la nascita di Gesù in una ricostruzione storico/tradizionale. Si passa ad un ambiente ebreo/palestinese cercando di dare alla Natività una collocazione il più “naturale” possibile.
Ogni anno tutta l’ambientazione viene interamente costruita a mano impiegando cartongesso, polistirolo trattato con gesso e colore, tela gessata.
Anche la scelta delle statue ha rappresentato una svolta nella tradizione dei presepi della parrocchia. Con fatica (economica) vengono acquistate alcune statue dalla pregiata manifattura napoletana (terracotta e stoffa inamidata) selezionando un artigiano in particolare. Oggi possiamo dire che questo artigiano è il nostro unico fornitore.
Realizzare il presepio diventa un appuntamento annuale che ha consentito al gruppo di accogliere altri amici con talenti nascosti. Si comincia a parlare di presepio già durante il periodo estivo gettando le basi per la realizzazione di una nuova scenografia. E poi ogni occasione diventa buona per stare insieme accumunati da questa passione.
Con gli anni il gruppo scopre che realizzare il presepio è anche un arte. Costruire gli ambienti il più realisticamente possibile e creare scene che possano ispirare la meraviglia e la contemplazione diventano l’obiettivo principale.
Guardandosi attorno e usando internet si viene a conoscenza dell’arte spagnola e quasi per gioco nasce una amicizia con alcuni artisti spagnoli presenti nell’area di Jerez de la Frontera. Nell’ottobre del 2010, con il viaggio in Spagna, avviene il “salto di qualità”. Ci riteniamo fortunati per aver avuto la possibilità di conoscere persone che del “costruire il presepio” ne hanno fatto un mestiere e un motivo di vita. Torniamo ricchi di notizie e di documentazione e rinvigoriti del fatto che il presepio della parrocchia non deve restare isolato dentro la chiesa. Lo scambio di amicizia con gli spagnoli ha modificato la nostra modalità di costruzione.
Già dal 2010 cerchiamo di applicare quanto appreso ed in particolare modifichiamo la scenografia affinché la Natività sia a destra rispetto al visitatore consentendo a quest’ultimo una “lettura” più naturale di tutto il presepio (da sinistra a destra).
Va da se che sulla Natività ci dovrà concentrare lo sforzo maggiore per infondere nel visitatore meraviglia e la migliore possibilità di contemplazione. Ecco il motivo della ricerca di una “Sacra Famiglia” che meglio rappresenti “donna giovane in un naturale atteggiamento materno con accanto il suo sposo”.

Dal 2010 il presepio della parrocchia viene inserito nel circuito “Paesi e Presepi”. Un itinerario di presepi che spazia tra mostre e presepi parrocchiale nel territorio compreso tra le provincie di Treviso, Padova e Venezia. Con gioia scopriamo che molte persone si mettono in viaggio per ammirare il presepio di altre comunità.
Nel 2012, alla 11° mostra di presepi di Piazzola sul Brenta, viene accolto il nostro presepio del 2011 che è stato ammirato nella sua totale integrità. Che soddisfazione ascoltare i commenti e le meraviglie dei visitatori. Che gioia poter rivedere il nostro presepe anche in un contesto diverso dalla nostra chiesa.

La buona esperienza del nostro presepio nel contesto della mostra di Piazzola sul Brenta ha invogliato gli organizzatori (oggi nostri “amici”) a ripetere l’esperienza negli anni seguenti. Di fatto ogni anno la “mostra di presepi” di Piazzola accoglie sempre il nostro presepio dell’anno precedente.
Nel 2014 e 2015 abbiamo avuto la possibilità di posizionare un “vecchio” presepio presso un grande albergo di Montegrotto portando la tradizione cristiana del presepio anche di fronte all’ingresso di una grande struttura alberghiera (Hotel Millepini). Anche qui abbiamo osservato al meraviglia della gente che ha potuto fermarsi ad ammirare il “miracolo della vita”.
Per tutto questo ringraziamo e sempre ringrazieremo tutti coloro che ci sostengono concretamente e spiritualmente (parrocchiani, amici vicini e lontani).​

 

Contatti 

sito www.presepiosb.blogspot.it

e-mail presepiosb@gmail.com

Cena del Presepio

Presepio S. Bonaventura

Visitate il bellissimo presepe fatto dai nostri eccezionali presepisti nella nostra chiesa!!! Visita: – la sezione dedicata nel nostro sito, nel menù Gruppi e Associazioni Presepe S. Bonaventura – il blog www.presepiosb.blogspot.it